Cancerogeno per inalazione

L’inalazione dell'amianto provoca danni gravissimi alla salute dell’uomo, con conseguenze talvolta drammatiche. 
Spesso, quando si parla di intossicazione da amianto o di forme tumorali derivanti, si allude alle cosiddette “morti silenziose”. Infatti, tali malattie sono caratterizzate da un tempo di incubazione lunghissimo, 
anche di diverse decine di anni, prima di manifestarsi in maniera devastante.

Pericolo per la salute

La pericolosità dell'amianto è legata solo alla possibilità di inalarne e respirarne le fibre. La polvere di amianto è talmente fine che passa tutte le difese delle vie aeree superiori e raggiunge polmoni e alveoli. Semplificando il discorso, si può ritenere che le fibre, una volta giunte nei polmoni, non possono più essere allontanate. Le fibre di asbesto, grazie al movimento dei tessuti polmonari dovuto alla respirazione, si stagliano nei tessuti come tante frecce, minuscole e appuntite. Queste micro-ferite, nel tempo, creano tantissime cicatrici nei tessuti. Il tessuto cicatriziale non ha le stesse proprietà del tessuto originario e questo implica una riduzione progressiva delle capacità respiratorie del soggetto. Inoltre, le continue stimolazioni del tessuto possono produrre delle modifiche nelle cellule dando origine a forme tumorali e neoplasie.

Le malattie più comuni dell’amianto

Le malattie delle persone dell'amianto sono asbestosi, mesotelioma della pleura e dei bronchi e carcinoma polmonare. Purtroppo, ancora oggi, malgrado i progressi della scienza e della medicina, le forme tumorali derivanti dall'esposizione all'amianto sono tra le più invasive, persistenti e resilienti rispetto alle cure tradizionali. Questo vuol dire che il tasso di mortalità per tumori derivanti dall'inalazione di polveri di amianto è ancora molto alta, mentre è molto bassa l’aspettativa di vita media dopo la diagnosi. Certo, molto dipende dalle spesso dal lungo tempo di incubazione della malattia. 
Molte di queste patologie sono state classificate come "malattie professionali".
Per sapere di più sulla pericolosità dell'amianto invia una e-mail a  info@effe-gi-srl.it
Share by: